Sab21072018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home ARCHIVIO FIMMG NAZIONALE NAPOLI : Medico di famiglia accoltellato al volto durante una domiciliare Scotti (Fimmg): "Azione penale d'ufficio per i medici in servizio"

NAPOLI : Medico di famiglia accoltellato al volto durante una domiciliare Scotti (Fimmg): "Azione penale d'ufficio per i medici in servizio"

 violenzame thumb other250 250Un medico di famiglia è stato accoltellato al volto durante una visita domiciliare per una lite scoppiata all'improvviso tra un paziente psichiatrico e la madre. E' stato medicato con sei punti di sutura al mento e ha riportato la frattura di una scapola.
Dichiara Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di famiglia, in seguito agli ultimi fatti. E propone che il medico, durante l'esercizio delle sue funzioni, venga considerato un pubblico ufficiale che difende la Costituzione oltre che occuparsi della salute dei cittadini: "questo consentirebbe l'avvio dell'azione penale d'ufficio, senza aspettare la denuncia di parte", spiega. E aggiunge:
«Mi chiedo – dice Scotti – se vi sia da parte delle Istituzioni preposte un'adeguata valutazione del rischio. Parlo di valutazione perché la gestione è già qualcosa di ben più complesso, e presuppone un'organizzazione che non sembra esserci».
"Bisogna capire che i dottori sono in trincea, e non si possono scaricare su di loro i problemi della Sanità italiana"."
Il Capo dello Stato intervenga come garante della Costituzione sul tema delle continue aggressioni al personale sanitario. Difendere i medici, che ormai si sentono abbandonati dalla politica – conclude Scotti – significa proteggere l'articolo 32 della Costituzione».
Scotti, rilancia anche la proposta di qualificare i medici nell'esercizio delle proprie funzioni quali Pubblici Ufficiali.
«In questo modo le denunce potrebbero partire in automatico e le pene sarebbero adeguate