Dom25092022

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home ARCHIVIO FIMMG NAZIONALE STATO DI EMERGENZA: La medicina generale ringrazia il Generale Figliuolo, Scotti: «Ha esercitato le sue funzioni con autorevolezza».

STATO DI EMERGENZA: La medicina generale ringrazia il Generale Figliuolo, Scotti: «Ha esercitato le sue funzioni con autorevolezza».

 coronavirus ospedale Fg thumb large300 300«A nome di tutti i medici di medicina generale che rappresento, esprimo un sentito ringraziamento al generale Figliuolo per la dedizione, l'attenzione e l'impegno che ha dimostrato nel supportare lo sforzo del Paese nell'affrontare la gestione della pandemia». Queste le parole con le quali il segretario generale di Fimmg, Silvestro Scotti, ringrazia per il lavoro svolto il generale Francesco Figliuolo che ha ormai concluso il suo incarico di Commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica Covid-19 e per l'esecuzione della campagna vaccinale nazionale. «Un compito - prosegue Scotti - svolto con autorevolezza, mai in modo autoritario. Guardando alla medicina di famiglia come ad una risorsa da valorizzare, comprendendone in pieno l'importanza e coinvolgendola con decisione in una campagna vaccinale che doveva a tutti i costi arrivare in ogni angolo del territorio, in modo capillare». Un sincero ringraziamento Scotti lo rivolge anche allo staff di Figliuolo, in modo particolare al Tenente Generale Antonio Battistini e al Tenente Generale Roberto Rossetti, per essere stati sempre aperti al confronto. Infine, un "buon lavoro" è l'augurio rivolto al generale Tommaso Petroni, nominato con decreto del Presidente del Consiglio Direttore dell'Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l'adozione di altre misure di contrasto alla pandemia. «Siamo certi di trovare in lui - conclude Scotti - le stesse doti di apertura al dialogo e di senso del pratico che abbiamo sperimentato sino ad oggi. Pronti a fare la nostra parte nell'interesse della salute dei cittadini».