Lun27062016

Ultime notizie:
bannertvnew2 copy
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home Evidenza GIMBE : Sprecati 20 mld di euro l'anno, da esperti la ricetta per salvare il ssn

GIMBE : Sprecati 20 mld di euro l'anno, da esperti la ricetta per salvare il ssn

 Gimbe 1Roma, 17 mar. (Adnkronos Salute) - 'Nessuno tocchi la sanità pubblicà. È la presa di posizione che si è levata dalla nona Conferenza nazionale Gimbe, evento senza sponsor che ha riunito a Bologna, il 14 marzo, oltre 500 partecipanti da tutt'Italia, rappresentativi di tutte le professioni sanitarie. Sotto i riflettori, «la più grande conquista sociale dei cittadini italiani: un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico, da difendere e garantire alle future generazioni», sottolinea la Fondazione Gimbe, che durante la conferenza ha presentato il rapporto sul Ssn. A parte i tagli alla sanità, la Fondazione ha evidenziato che «almeno 20 miliardi di euro sono sprecati ogni anno in maniera intollerabile» e che «numerosi problemi del Ssn prescindono dalla quantità di risorse a disposizione».La sanità pubblica è «una conquista sociale irrinunciabile, ma anche fonte di sprechi che si annidano a tutti i livelli e che devono essere identificati ed eliminati con 'sanè politiche di spendig review», anche per Gavino Maciocco, del Dipartimento di sanità pubblica dell'università di Firenze; Tonino Aceti, del Tribunale per i diritti del malato; Fausto Nicolini, direttore generale dell'Ausl di Reggio Emilia, e Silvio Garattini, direttore dell'Istituto Mario Negri. Garattini ha ricevuto il 'Premio Evidencè, «per il costante impegno volto a migliorare l'etica, la trasparenza, l'integrità e l'indipendenza della ricerca clinica, nell'interesse dei pazienti». IlPremio 'Salviamo il nostro Ssn' è stato assegnato alla Regione Toscana, «per le sue politiche sanitarie che rappresentano un modello per la sostenibilità della sanità pubblica». Tredici progetti di eccellenza del Laboratorio Italia, «realizzati nelle aziende sanitarie utilizzando le migliori evidenze disponibili sotto il segno della collaborazione multiprofessionale, hanno dimostrato che salvare il Ssn è nei fatti una missione possibile», conclude la Fondazione.