Lun25062018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Farmaci FDA: Avviso contro 53 siti web che vendono oppioidi illegali, Gottlieb, internet è inondato di prodotti non autorizzati

FDA: Avviso contro 53 siti web che vendono oppioidi illegali, Gottlieb, internet è inondato di prodotti non autorizzati

 fda(Pharmakronos) La Food and Drug Administration americana ha inviato una comunicazione a 9 network online che gestiscono un totale di 53 siti web per la vendita di farmaci, imponendo loro di smettere di comercializzare illegalmente versioni di medicinali oppioidi potenzialmente pericolose, non approvate e non autorizzate, tra cui tramadolo e ossicodone. Le aziende che non correggeranno le violazioni, come indicato nella lettera di avvertimento, saranno soggette a misure, tra cui il sequestro dei prodotti e ingiunzioni legali. "Il marketing online illegale di prodotti non approvati - ha dichiarato il commissario della Fda, Scott Gottlieb - sta contribuendo all'epidemia di dipendenza da questi farmaci in tutta la nazione. La Fda sta adottando misure per proteggere ulteriormente i consumatori statunitensi da prodotti oppioidi, prendendo di mira i siti web che li commercializzano illegalmente. Internet - prosegue - è praticamente inondato di narcotici illegali e noi vogliamo intraprendere nuovi passi per lavorare con la parte legittima della rete, cioè le imprese che hanno deciso di reprimere volontariamente la vendita di questi medicinali. Nell'ambito di tale sforzo, stiamo organizzando un vertice con le parti interessate per trovare nuovi modi di collaborare con loro per affrontare questi problemi e, allo stesso tempo, intraprenderemo azioni contro le aziende i cui siti web hanno deliberatamente infranto la legge". (Barbara DI Chiara)