Ven17082018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VACCINI: IL Movimento 5 stelle scarica il consigliere Barillari del Lazio dopo le affermazioni su facebook

VACCINI: IL Movimento 5 stelle scarica il consigliere Barillari del Lazio dopo le affermazioni su facebook

 barillari thumb other250 250Una presa di distanza del movimento 5 stelle dalle affermazioni su Facebook che nella giornata di ieri il consigliere regionale M5s nel Lazio Davide Barillari ha postato sulla sua pagina. Un post lungo pieno di dietrologie e di complottismi (LEGGI QUI)
contro i vaccini e contro le istituzioni «la politica viene prima della scienza» e che quest'ultima non può essere un «dogma».
All'ovvio coro di proteste delle istituzioni è arrivato lapidario il comunicato sul Blog ufficiale dei 5 Stelle che comunica: «Il Movimento prende totalmente le distanze dalle dichiarazioni del consigliere Barillari. La linea del Movimento sui vaccini è quella messa nero su bianco nel contratto di governo». Una dichiarazione Lapifdaria che sancisce un distacco netto tra la politica dei pentastellati del Lazio con la politica Nazionale che sicuramente avra' strascichi politici notevoli. Ma sulla questione vaccini non è la sola presa di distanze, con scontro interno, da una linea NO-Vax montante nel movimento i senatori pentastellati Elena Fattori e Giorgio Trizzino, hanno espresso dissenso sulla norma del Milleproroghe che fa slittare di un anno l'obbligo vaccinale per l'iscrizione alla scuola dell'infanzia e ai nidi.
In difficolta' anche il Ministro che nel lungo post nella sua pagina facebook, bolla la proroga di un anno per le vaccinazioni a scuola come "proposta di iniziativa parlamentare e non governativa" ma la linea del governo gialloverde è chiara "nessuna obbligatorietà, salvo caso di conclamata epidemia " il problema sara' di far incastonare quest'idea con la realta' inutile chiudere le stalle quando i buoi sono scappati dicono i virologi, quindi la saga continua....