Ven14122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia UNIVERSITA': Dalle Regioni via libera al riparto di 237 milioni per le borse di studio

News Italia

UNIVERSITA': Dalle Regioni via libera al riparto di 237 milioni per le borse di studio

 Universita test medicia ftg 5 thumb large300 300"In arrivo più di 237 milioni per le borse di studio universitarie", lo ha annunciato il Presidente Stefano Bonaccini commentando il via libera della Conferenza delle Regioni alla intesa da sancire in Conferenza Stato-Regioni sul Fondo integrativo statale 2018. "Le Regioni hanno lavorato con il Ministero per ridurre i tempi per l'adozione del riparto rispetto allo scorso anno. Ringrazio – ha concluso Bonaccini – la Commissione Istruzione e lavoro della Conferenza delle Regioni per l'importante lavoro svolto". Monica Barni vicepresidente della Regione Toscana, che coordina la materia Università nell'ambito della Commissione Istruzione e lavoro della Conferenza delle Regioni, presieduta da Cristina Grieco, ha sottolineato l'importanza del riparto, ma si è soffermata anche su alcune criticità: "in particolare occorre che in futuro sia ripristinato il circuito finanziario in base al quale gli importi del FIS, Fondo integrativo statale, siano pagati direttamente agli enti per il diritto allo studio universitario. E' poi urgente – ha concluso Monica Barni – rivedere la definizione dei fabbisogni e la modalità del loro finanziamento. Chiediamo al Governo di attivare in tempi brevi il Tavolo tecnico preposto alla definizione dei livelli essenziali delle prestazioni che aspetta dal 2012 di essere convocato e di incrementare il Fondo statale ancora insufficiente a garantire un diritto allo studio adeguato" ha concluso Monica Barni.

IN ALLEGATO I FONDI SUDDIVISI PER REGIONE