Mar16072019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CARENZA MEDICI : FP CGIL medici , contro il governo e la Fimmg una sanatoria e accesso in convenzione per i precari della continuità assistenziale e dell'emergenza sanitaria territoriale

News Italia

CARENZA MEDICI : FP CGIL medici , contro il governo e la Fimmg una sanatoria e accesso in convenzione per i precari della continuità assistenziale e dell'emergenza sanitaria territoriale

 medicoscrive copyUn accusa al governo da parte della Fp Cgil Medici reo di aver seguito nell'ultimo decreto sulla carenza dei medici "una logica tutta corporativa," in quanto "non vengono minimamente considerati i tantissimi medici della continuità assistenziale e dell'emergenza sanitaria territoriale" "È inaccettabile che nei processi di stabilizzazione dei medici di medicina generale il governo dimentichi la metà dei precari."dichiara la Fp Cgil Medici,in una nota "nel decreto legge recante misure emergenziali in sanità, che dovrebbe anche prevedere percorsi di stabilizzazione per i medici di medicina generale, non vengono minimamente considerati i tantissimi medici precari della continuità assistenziale e dell'emergenza sanitaria territoriale". Sull'argomento interviene anche Francesco Masotti del Coordinamento nazionale Fp Cgil Medici di medicina generale – "Vogliamo denunciare che nel decreto vengono creati percorsi preferenziali esclusivamente per i medici già idonei ai concorsi di accesso alla formazione della medicina generale, ma vengono esclusi tutti quei professionisti della continuità assistenziale e dell'emergenza sanitaria territoriale che, seppure in assenza dello specifico titolo di formazione, hanno fattivamente garantito in questi anni la risposta ai reali bisogni di salute della cittadinanza. È assurdo: prima li abbiamo sfruttati per garantire i servizi e ora li cancelliamo per decreto". Dello stesso avviso il segretario nazionale della Fp Cgil Medici, Andrea Filippi, "è inaccettabile che il governo, seguendo una logica tutta corporativa suggerita dal sindacato maggiormente rappresentativo della medicina generale, decida di dividere i precari in categorie privilegiate e protette, da quelle svantaggiate ed evidentemente invisibili agli occhi dei ministri Di Maio e Grillo. Per questo abbiamo chiesto, chiediamo e continueremo a chiedere con forza la stabilizzazione dei medici di questi settori e la trasformazione del loro rapporto di lavoro a convenzione da tempo determinato a tempo indeterminato, così come, peraltro, reclamato dall'intera intersindacale della dirigenza medica. Per tutelare i servizi e tutti i lavoratori è necessario un decreto che preveda la stabilizzazione dei professionisti dell'emergenza territoriale e della continuità assistenziale, anche attraverso la valorizzazione dell'esperienza acquisita sul campo ai fini dell'ingresso ai corsi di formazione di medicina generale. Corsi che dovrebbero essere parificati alle altre scuole di specializzazione anche attraverso la loro ricollocazione nell'alveo naturale della docenza universitaria delle facoltà di medicina e chirurgia, pari dignità ai lavoratori, pari dignità agli specializzandi".