Dom25082019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia DECRETO CALABRIA: psicologi negli studi dei medici di famiglia Scotti (Fimmg) gli accordi si fanno con i medici di famiglia e non con i portaborse di qualche sottosegretario

News Italia

DECRETO CALABRIA: psicologi negli studi dei medici di famiglia Scotti (Fimmg) gli accordi si fanno con i medici di famiglia e non con i portaborse di qualche sottosegretario

 psicologo-e"A ognuno il suo, l'ACN della Medicina Generale si regola con i medici di medicina generale e con chi li rappresenta e non con qualche portaborse di un ex sottosegretario. La rappresentanza contrattuale è difesa dalla Costituzione, e senza risorse nessuno si sogni che le nostre diventino le sue. #mobasta #FIMMGcè" questo è il commento di Silvestro scotti sulla sua pagina facebook all'indomani dell'approvazione del decreto Calabria dove una modifica ad un articolo della legge di programmazione per i contratti delle cure primarie inserisce la presenza dello psicologo negli studi dei medici di famiglia nelle forme multi professionali e per superare il massimale. La Fimmg, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, ha espresso perplessità, e chiede piuttosto che la figura del medico di famiglia sia affiancata da figure che si occupano di riabilitazione e infermieri, anche per far fronte a una popolazione che invecchia e in cui aumentano le malattie croniche. "C'è qualcuno che parla di massimali, di valorizzazioni per l'inserimento dello psicologo nello studio del medico di famiglia - spiega Scotti -; "che costituiscano un sindacato di medicina generale e vadano a mettere la firma al posto mio al contratto". "Sono basito - aggiunge - dalle dichiarazioni a mezzo stampa, perché mi risulta che la norma faccia riferimento alla legge di programmazione per l'accordo collettivo nazionale dei medici di famiglia, ambito di responsabilità da una parte delle Regioni dall'altra parte delle rappresentanze sindacali della medicina generale". Per di più, aggiunge Scotti "non riesco a comprendere come si trasformi la presenza che potrà essere valutata caso per caso dello psicologo come una dotazione strutturale dello studio del medico di famiglia, anche perché si sta dimenticando che lo psicologo è già previsto nella contrattualità convenzionata, pertanto quella norma può anche semplicemente significare che all'interno dell'attuale organizzazione della sanità si crei una relazione contrattuale tra la parte di medicina di famiglia e l'offerta distrettuale degli psicologi".