Lun18112019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia 76° CONGRESSO FIMMG-Metis: Il ministro Speranza a Villasimius no all violenza contro i medici che sono il pilastro del ssn

News Italia

76° CONGRESSO FIMMG-Metis: Il ministro Speranza a Villasimius no all violenza contro i medici che sono il pilastro del ssn

 speranzaContro la violenza ai danni dei medici "due settimane fa abbiamo approvato un primo testo al Senato; ho incontrato ieri la presidente della Commissione Affari sociali della Camera per lavorare nel più breve tempo possibile e far modo che il testo diventi legge dello Stato". Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo al congresso della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) in corso a Cagliari. "Vorrei che si desse un segnale forte a chi lavora per la salute dei cittadini - ha sottolineato - quello delle aggressioni e delle violenze è un tema inaccettabile, drammatico, dobbiamo dare subito un messaggio molto netto e molto forte e prenderci cura di chi ci cura. Uno Stato che non lo fa non è credibile e non è autorevole", ha concluso. "Dobbiamo proiettare la figura del medico di famiglia, che è oggettivamente essenziale, un pilastro del Ssn, dentro il tempo nuovo che ci propone alcune sfide significative". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza in occasione del suo intervento al 76° Cingresso nazionale FIMMG-Metis in corso a Villasimius. Il ministro ha anche visitato il camper della FIMMG #adessobasta che questa settimana ha fatto tappa al Tanka Village in occasione dell'appuntamento annuale della Federazione.
"Penso al cambio della piramide demografica, ai cambiamenti che ne conseguono sul piano epidemiologico, alle nuove tecnologie, ai nuovi farmaci, all'innovazione – ha aggiunto -. La sfida che credo questo Congresso debba in qualche modo assumere è come dentro questo tempo si possa valorizzare questa professionalità che è, e resta, essenziale e che però deve stare in questa nuova stagione. Io credo che in un lavoro di sinergia e ascolto, di confronto reciproco ci possa essere le condizioni per disegnare il medico di medicina generale del futuro".