Lun30032020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia FINANZIARIA 2020: 235 mil. di Euro per apparecchiature sanitarie negli studi dei medici di medicina generale

News Italia

FINANZIARIA 2020: 235 mil. di Euro per apparecchiature sanitarie negli studi dei medici di medicina generale

 ecografianew thumb other250 250235.834.000 euro per l'acquisto di apparecchiature sanitarie per i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, lo prevede la nuova manovra finanziaria approvata in via definitiva alla Camera , il provvedimento per migliorare il processo di presa in cura dei pazienti e ridurre il fenomeno delle liste d'attesa, lo stanziamento andrà a valere sull'importo fissato dal fondo per l'edilizia sanitaria nell'ambito delle risorse non ancora ripartite alle regioni. Le apparecchiature sanitarie, di proprietà delle aziende sanitarie, saranno messe a disposizione dei medici di secondo modalità individuate dalle aziende stesse avendo cura di misurare l'attività svolta attraverso indicatori di processo., con lo stesso decreto dovranno essere definite la distribuzione delle risorse alle Regioni, in quota capitaria, e le modalità con cui le stesse Regioni, all'interno degli Accordi integrativi regionali, dovranno individuare le attività assistenziali all'interno dei quali verranno utilizzati i dispositivi medici di supporto, privilegiando ambiti relativi alla fragilità e alla cronicità, anche prevedendo l'utilizzo di strumenti di telemedicina finalizzati alla second opinion.
-------
IL TESTO DELLA FINANZIARIA
449. Per fare fronte al fabbisogno di apparecchiature sanitarie finalizzate a ga-rantire l'espletamento delle prestazioni di competenza dei medici di medicina gene-rale nonché dei pediatri di libera scelta, alfine di migliorare il processo di presa in cura dei pazienti nonché di ridurre il fe-nomeno delle liste d'attesa, è autorizzato un contributo pari ad euro 235.834.000 a valere sull'importo fissato dall'articolo 20della legge 11 marzo 1988, n.67, come rifinanziato da ultimo dall'articolo 1, comma 555, della legge 30 dicembre 2018, n.145,nell'ambito delle risorse non ancora ripar-tite alle regioni. I trasferimenti in favore delle regioni sono disposti sulla base di un piano dei fabbisogni predisposto e appro-vato nel rispetto dei parametri fissati con decreto del Ministro della salute, da adot-tare entro il 31 gennaio 2020, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le pro-vince autonome di Trento e di Bolzano.Con il medesimo decreto sono definite la distribuzione delle risorse di cui al pre-sente comma alle regioni, in quota capitaria, e le modalità con cui le medesime regioni, nell'ambito degli accordi integrativi regionali, individuano le attività assisten-ziali all'interno delle quali saranno utiliz-zati dispositivi medici di supporto, privile-giando ambiti relativi alla fragilità e alla cronicità, anche prevedendo l'utilizzo di strumenti di telemedicina finalizzati alla second opinion, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.450. Le apparecchiature sanitarie di cui al comma 449, di proprietà delle aziende sanitarie, sono messe a disposizione dei medici di cui al comma 449, secondo modalità individuate dalle aziende medesime,avendo cura di misurare l'attività svolta attraverso indicatori di processo.