Lun06072020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VACCINAZIONI: in un Ordine del giorno l' antiinfluenzale fatto in farmacia , frena Federfarma proteste social dei farmacisti

News Italia

VACCINAZIONI: in un Ordine del giorno l' antiinfluenzale fatto in farmacia , frena Federfarma proteste social dei farmacisti

 vaccini2 thumb other250 250Vaccino antinfluenzale anche in farmacia è stato approvato alla Camera un un Ordine del giorno di Andrea Mandelli (FI) che prevede la possibilità di somministrazione da parte di un medico del vaccino antinfluenzale anche nelle farmacie provviste di spazi idonei e tutela della privacy garantita. "In quest'ottica le farmacie, in qualità di presidi sanitari polifunzionali del territorio, possono svolgere un ruolo strategico diventando siti vaccinali con la presenza di medici. In questo modo, oltre a contenere gli accessi ospedalieri e ad alleggerire il carico degli ambulatori medici, si ridurrebbero significativamente i tempi per la somministrazione del vaccino" così recita, ma l'iniziativa non piace proprio ai farmacisti che hanno fatto sentire la loro voce sui social, tanto che è giunta la precisazione di Federfarma che ritiene "imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta in un'ottica di complementarietà e non certo di competitività tra professionisti che godono tutti della fiducia dei cittadini e che poco aggiungerebbe all'obiettivo vero: l'aumento delle coperture vaccinali." Una precisazione che è quasi un riallineamento dell'iniziativa in un ambito non piu' di autonomia gestionale queste campagne Continua Federfarma "potranno senz'altro tradursi in un effettivo e concreto vantaggio per la cittadinanza interessata, potendo basarsi sulla gestione territoriale dei servizi offerti dalle farmacie e sull'apporto professionale del farmacista, in connubio, con i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta". Federfarma richiama la "comune visione delle categorie interessate, resa semplice anche da una comune condizione contrattuale di liberi professionisti convenzionati" e focalizzata a rendere "effettivi e concreti i servizi sanitari territoriali". Tale visione "potrà basarsi anche sulla elevata accessibilità e capillarità delle farmacie di comunità e sulla prossimità delle farmacie e dei medici convenzionati in modo tale da condurre campagne di vaccinazione sia per migliorare la protezione immunitaria della cittadinanza sia per diffondere messaggi positivi sulla vaccinazione".

IL TESTO DELL'ODG