Mar11082020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VIOLENZA MEDICI : Anelli (Fnomceo): "Soddisfazione per il via libera al DDL violenza, della Commissione XII Senato, ora sia calendarizzato presto in Aula"

News Italia

VIOLENZA MEDICI : Anelli (Fnomceo): "Soddisfazione per il via libera al DDL violenza, della Commissione XII Senato, ora sia calendarizzato presto in Aula"

 violenza-medici"Soddisfazione per il via libera, senza modifiche, in Commissione Igiene e Sanità del Senato al Ddl recante disposizioni per la tutela della sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie. Ora auspichiamo che venga calendarizzato al più presto in Aula per l'approvazione definitiva, in modo che i medici e gli altri professionisti della Salute possano avere validi strumenti normativi, preventivi e dissuasivi, per contrastare il fenomeno delle aggressioni".
A parlare è il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli, che sin dall'inizio del suo mandato, a gennaio 2018, e ancor prima in veste di Presidente dell'Ordine di Bari, si è speso per sensibilizzare la politica e l'opinione pubblica - anche con campagne di comunicazione, eventi, e sostenendo la produzione di un Docufilm - nei confronti di quella che sta diventando un'emergenza sanitaria: le aggressioni, infatti, con le loro ricadute a livello fisico ma anche psicologico sugli operatori, compromettono la stessa sicurezza delle cure. Sono 1388 l'anno, quasi 4 al giorno, le aggressioni contro gli operatori sanitari dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale che sono state denunciate all'Inail nel 2019, secondo un'elaborazione effettuata sui dati disaggregati forniti dall'Ente. Senza contare, quindi, quelle contro le Guardie mediche, i Medici di medicina generale, i Pediatri di libera scelta, che esercitano in regime di convenzione con il Servizio sanitario e non sono assicurati Inail. E senza contare, ovviamente, i tantissimi episodi non denunciati neppure all'Inail, per una sorta di reticenza a portare alla luce inadeguatezze strutturali, o perché sotto choc, o, ancora, per non interrompere il turno di lavoro. Gli episodi reali sono quindi molti di più e riguardano non solo gli ospedali ma anche, ad esempio, gli ambulatori della continuità assistenziale o i Centri di Salute mentale.
"Condividiamo la linea politica del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha sin da subito colto appieno l'importanza di un provvedimento in materia e che ha voluto recepire, nei diversi passaggi, il contributo delle Professioni – continua Anelli -. Insieme a lui ricordiamo, per il suo operato, il Viceministro Sileri, presente ieri in Commissione in rappresentanza del Governo. E ancora, il Ministro del precedente Governo Giulia Grillo, firmataria del Disegno di Legge di iniziativa governativa poi unificato con i diversi progetti di Legge, da più parte presentati, e il Ministro Beatrice Lorenzin, che istituì l'Osservatorio contro la violenza, che vedeva il coinvolgimento delle Professioni sanitarie".
"Proprio l'Osservatorio, ricomposto e rilanciato dal Ministro Speranza, viene ora istituzionalizzato dal Disegno di Legge, comprendendo, tra i suoi componenti, i rappresentanti di tutte le Professioni – rileva Anelli -. Un segnale importante, un riconoscimento del ruolo e della voce che va data a coloro che vivono le aggressioni sulla propria pelle e che sanno indicare i punti deboli e di forza dei sistemi organizzativi e preventivi".
"La nostra riconoscenza va poi al Parlamento, che ha dimostrato la sua sensibilità, sia con la presentazione dei progetti di Legge sia con l'approvazione del testo avvenuta all'unanimità prima alla Camera e poi in Commissione XII al Senato - aggiunge -. Questo dimostra come la sicurezza degli operatori sia un tema fondamentale e trasversale a ogni orientamento di parte".