Ven05032021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CORONAVIRUS: Scotti: pronti a fare 500mila vaccini al giorno Siamo in grado di vaccinare oltre 20 milioni di italiani in 4 mesi

News Italia

CORONAVIRUS: Scotti: pronti a fare 500mila vaccini al giorno Siamo in grado di vaccinare oltre 20 milioni di italiani in 4 mesi

 vaccinazioni88«A metà o fine febbraio la maggioranza dei medici di famiglia potrebbe essere immunizzata, visti i dati sulla vaccinazione della categoria. A quel punto, in una condizione di maggiore protezione, potremmo cominciare a vaccinare, con i numeri che solo noi possiamo garantire, come dimostra la vaccinazione antinfluenzale. Tra medici di famiglia e pediatri, ci sono 50 mila professionisti: fare 10 vaccinazioni al giorno ciascuno significa farne 500 mila, quotidianamente, su scala nazionale. Il limite, a quel punto, saranno le dosi. Se ci saranno i vaccini, dunque, in 4 mesi, possiamo vaccinare oltre 20 milioni di italiani». A fare i calcoli, per l'Adnkronos Salute è Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), che commenta i dati positivi sulla vaccinazione dei medici di famiglia, a cui ha lavorato il centro studiFimmg. «Ovviamente molto dipende dalle Regioni - spiega ancora Scotti - se saranno orientate a coinvolgere i medici di famiglia e fare con loro accordi per le vaccinazioni. Ripeto però: la vaccinazione di massa, al momento, dipende soprattutto dalle dosi di vaccino che arriveranno. Non è solo questione di chi vaccina». Per Scotti, considerate le notizie sugli approvvigionamenti, «prima di marzo sarà difficile che si parta con la vaccinazione di massa. Ma se saremo coinvolti in tutte le regioni e ci sarà vaccino a sufficienza si riuscirà a centrare l'obiettivo della chiusura della campagna in autunno», conclude.