Dom18042021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CORONAVIRUS: Cambia il piano vaccinale introdotte per la fase 2, 6 categorie di priorita'

News Italia

CORONAVIRUS: Cambia il piano vaccinale introdotte per la fase 2, 6 categorie di priorita'

 medici-a-nerola thumb other250 250Cambia il piano vaccinale esplicitando le priorita' per la fase 2 sono state introdotte 6 categorie a rischio con  le patologie in essere e introdotte anche categorie professionali a rischio,  personale di scuole e università e Forze dell'Ordine. Parametri di priorita' sono l'età e la presenza di condizioni patologiche che rappresentano rischio di mortalità per Covid-19.

Categorie di priorita' vaccinazione per la fase 2

Categoria 1. Le persone estremamente vulnerabili, intese condizioni che per danno d'organo pre-esistente, o che compromissione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2 particolarmente elevate di sviluppare forme gravi o letali di dai 16 anni di età;

Categoria 2: Le persone di età compresa tra 75 e 79 anni; presumibilmente vaccinate con Pfizer o moderna

Categoria 3: Le persone di età compresa tra i 70 e i 74 anni; presumibilmente vaccinate con Pfizer o moderna

Categoria 4: Le persone con aumentato rischio clinico se infettate da SARS-CoV-2 a partire dai 16 anni di età fino ai 69 anni di età

Categoria 5: Le persone di età compresa tra i 55 e i 69 anni senza condizioni che aumentano il rischio clinico;

Categoria 6: Le persone di età compresa tra i 18 e 54 anni vaccinate con AstraZeneca.senza condizioni che aumentano il rischio clinico. Priorità di somministrazione potrà essere considerata, per il personale scolastico e universitario docente e non docente, per le Forze armate e di Polizie, per i setting a rischio quali penitenziari e luoghi di comunità e per il personale di altri servizi essenziali e a seguire il resto della popolazione.

IL DOCUMENTO DEL MINISTERO