Ven24092021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia ISRAELE: Medici chiedono risarcimento danni ai no vax "Risarciteci e chiedere scusa, o vi faremo causa"

News Italia

ISRAELE: Medici chiedono risarcimento danni ai no vax "Risarciteci e chiedere scusa, o vi faremo causa"

 novax33L'Ordine dei medici israeliano ha richiesto un risarcimento danni ai no vax oppositori del dei vaccini , intimandogli lealmente di cancellare i post falsi dai social network, chieder scusa ai medici per la diffamazione e paghino loro 140.000 NIS a titolo di risarcimento. Se si rifiuteranno , saranno citati in giudizio, con una lettera preliminare per intraprendere un'azione legale. L' iniziativa dopo che i medici dello stato hanno subito subito minacce alle loro vite, calunnie incessanti, bugie su di loro e maledizioni sfrenate la prof.ssa Galia Rahav, capo dell'Unità di malattie infettive presso lo Sheba Medical Center di Tel Hashomer, è una dei medici che ha ricevuto minacce di morte e diffamazione sui social media ed è tra i medici che intendono citare in giudizio gli oppositori. "Hai intenzione di provocare l'uccisione di bambini e pensare che i genitori taceranno di fronte a ciò? Tu e tutti i tuoi colleghi 'professori' siete pieni di sangue sulle vostre mani, Siete tutti sporchi criminali di prim'ordine, che mentono al pubblico senza alcun minimo di coscienza. Faremo tutti i conti con voi, non preoccupatevi".", Queste alcune delle minacce che ha scritto uno degli oppositori del vaccino su Rahav. Ha aggiunto: " La lettera di diffida inviata dall'Ordine dei Medici afferma che la prof.ssa Rahav, che ha anche sporto denuncia alla polizia in seguito alle minacce ricevute, "ha subito gravi danni a causa della brutta e violenta campagna di istigazione nei suoi confronti. La causa di diffamazione si costituisce presso il più alto livello di ingiustizia». La stessa prof.ssa Rahav ha spiegato che se ricevea' i soldi del risarcimento, li donera'. "I discorsi di alcuni degli oppositori dei vaccini e la loro condotta sono terribili violenze. Se ottengo i soldi, saranno interamente devoluti a gruppi che incoraggiano un'informazione accessibile, scientifica e chiara. Questa è la mia intenzione".