Mar19102021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VACCINI: in uscita dall'approvazione emergenziale ora piu' facile autroizzazioni vaccinali per le varianti

News Italia

VACCINI: in uscita dall'approvazione emergenziale ora piu' facile autroizzazioni vaccinali per le varianti

 fda thumb large300 300LA FDA ovvero l'ente per il controllo die farmaci americano ha autorizzato definitivamente il vaccino prodotto dalla pfizer sopra il 16 anni , pertanto il farmaco per questa fascia di eta' esce dall'autorizzazione emergenziale ed entra ufficialmente nella commercializzazione ordinaria, resta per ora con l'autorizzazione all'uso di emergenza per i soggetti di età compresa tra 12 e 15 anni e per la somministrazione di una terza dose in alcuni individui immunocompromessi. Dal punto di vista clinico cambia poco in quanto l'autorizzazione di emergenza era stata data gia' dopo la sperimentazione clinica in termini di efficacia e tolleranza , ed era solo il frutto di uno spacchettamento a blocchi delle procedure sperimentali anticipando quelle importanti per la salute e posticipando quelle secondarie che potevano essere viste susseguentmente. Che la voce messa in giro ad arte dagli anti vaccini di una autorizzazione solo nel 2023 fosse una bufala costruita era gia' una realta' l'accelerazione nella'autorizazione è solo il frutto di 4 miliardi di somministrazioni da novembre 2020 e una condivisione globale dei dati resa possibile proprio dalla rete internet che ha permesso di analizzare le restanti fasi autorizzative in tempi brevi. E così sara' per gli atri vaccini che pero' hanno avuto autorizzazioni piu' tardivamente. Oltretutto questo accorcerà tantissimo i procedimenti autorizzativi in vaccini realizzati con piattaforma Mrna in caso di nuove formulazioni con varianti. Il Ministero avverte che se non si raggiungera' l'80 % della popolazione vaccinata entro meta' settembre potrebbero scattare obblighi per fasce di eta' , l'obiettivo è quello di decongestionare gli ospedali o tantomeno ridurre al minimo il ricorso agli ospedali, la cosa conferma quanto gia' abbiamo detto, ovvero non solo che l'effetto gregge valga molto poco nella variante delta , ma che la soglia dei vaccinati vada portata sopra all'80 % se non al 90% .attualmente siamo al 61% di immunizzati con 2 dosi il 68,4% degli over 12 completamente vaccinato, sommando anche quelli in attesa della seconda dose si arriva al 78,0%, con questi numeri difficile arrivare sopra 80% in meno di un mese e quindi un obbligo magari negli over 40 sicuramente scattera'.