Ven03122021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia TERZA DOSE : Da Ema ok a terza dose per immunodepressi e over-18

News Italia

TERZA DOSE : Da Ema ok a terza dose per immunodepressi e over-18

 emaVia libera dall'Agenzia europea dei medicinali (Ema) alla terza dose aggiuntiva di vaccino anti-Covid - con gli immunizzanti Comirnaty (BioNTech/Pfizer) e Spikevax (Moderna) - ai soggetti immunodepressi, e agli over-18 almeno 6 mesi dopo la seconda dose ulteriori categorie individuate come prioritarie, ovvero gli over-80 ed il personale sanitario, una dose extra dei vaccini Covid-19 Comirnaty e Spikevax, ha chiarito l'Ema, può essere somministrata a persone con sistema immunitario gravemente indebolito almeno 28 giorni dopo la loro seconda dose. L'Agenzia precisa che è importante distinguere tra la dose extra per le persone con un sistema immunitario indebolito e le dosi di richiamo (cosiddette 'booster') per le persone con un sistema immunitario normale. Per queste ultime, l'Ema ha valutato i dati per Comirnaty che mostrano un aumento dei livelli anticorpali quando viene somministrata una dose di richiamo circa 6 mesi dopo la seconda dose in persone di età compresa tra 18 e 55 anni. Sulla base di questi dati, sottolinea, "il comitato per i medicinali ad uso umano ha concluso che le dosi di richiamo possono essere prese in considerazione almeno 6 mesi dopo la seconda dose per le persone di età pari o superiore a 18 anni" L'indicazione arriva mentre in Italia la rivaccinazione con terze dosi è già partita per i soggetti immunodepressi ed è al via in varie Regioni anche per le La raccomandazione arriva dopo che gli studi hanno dimostrato che una dose extra di questi vaccini ha aumentato la capacità di produrre anticorpi contro il virus SarsCoV2 nei pazienti sottoposti a trapianto di organi con sistema immunitario indebolito.