Dom22052022

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CONSIGLIO DI STATO: la circolare del Ministero della Salute sulle cure COVID resta valida sospesa la sentenza del TAR Lazio

News Italia

CONSIGLIO DI STATO: la circolare del Ministero della Salute sulle cure COVID resta valida sospesa la sentenza del TAR Lazio

 medico thumb other250 250La circolare del ministero della salute in merito alla gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid contiene solo «raccomandazioni» e non prescrizioni vincolanti . Con questa motivazione il consiglio di Stato ha sospeso una sentenza del TAR lazio proposta da un avvocato di Napoli con al motivazione che la circolare Obbligasse ai medici ad a ttenenrsi alle disposizioni imposte dal ministero. Ci ha pensato il Consiglio di Stato con decreto monocratico depositato il n. 207/2022. " la nota ministeriale, annullata nei giorni scorsi dal Tar Lazio (con sentenza n.419 del 15 gennaio), non lede l'autonomia professionale del medico di medicina generale e la sua libertà di scegliere «in scienza e coscienza la terapia migliore». Si tratta insomma di una circolare che detta «parametri di riferimento circa le esperienze in atto nei metodi terapeutici a livello anche internazionale» e indica comportamenti che secondo la letteratura medica «sembrano rappresentare le migliori pratiche" . La sospenzioen fino a 3 febbraio giorno della discussione collegiale in camera di consiglio nella motivazione del decreto, «la sospensione della circolare, lungi dal far riappropriare i medici di medicina generale della loro funzione, determinerebbe semmai il venir meno di un documento riassuntivo delle migliori pratiche che scienza ed esperienza in costante evoluzione hanno sinora individuato», La circolare «non intacca» le prerogative di scelta terapeutica dei medici i quali ben potranno discostarsi dalle raccomandazioni ministeriali quando, in scienza e coscienza e sotto la propria responsabilità, non le ritengano la via ottimale per la cura del paziente.