Dom25092022

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia MEDICI E DIPENDENZA: Scotti: Crisanti forse non conosce le best practice europee, strano per un "professore" e per di più candidato nel collegio Europa

News Italia

MEDICI E DIPENDENZA: Scotti: Crisanti forse non conosce le best practice europee, strano per un "professore" e per di più candidato nel collegio Europa

 mediciospedale2 thumb other250 250Medici di famiglia dipendenti? Silvestro Scotti: «Crisanti forse non conosce le best practice europee, strano per un "professore" e per di più candidato nel collegio Europa».
«Crisanti è un ottimo microbiologo e mai penseremmo di confrontarci con lui su temi di sua competenza e conoscenza, non ci rassicurano però le sue dichiarazioni sul ruolo che dovrebbero avere i medici di famiglia, non avendo il "professore" le stesse competenze in fatto di politica e organizzazione dei servizi sanitari». Silvestro Scotti, segretario generale Fimmg, commenta con sarcasmo quanto affermato da Andrea Crisanti, vale a dire che "i medici di medicina generale devono diventare dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale". «È strano che un'affermazione simile - prosegue Scotti - arrivi da chi è candidato nel Collegio Europa, perché afferma un principio che proprio in Europa non trova quasi nessun riscontro. Forse Crisanti lo ha dimenticato, o lo ignora. Nella stragrande maggioranza dei paesi europei i medici di medicina sono legati al Sistema Sanitario Nazionale da un rapporto di convezione, così come avviene in Italia, e questo garantisce un'autonomia gestionale e una maggiore efficienza dell'assistenza prestata. Forse è meglio che continui a interessarsi della sua disciplina e lasci ad altri i temi su cui evidentemente deve documentarsi di più e meglio».