Dom25092022

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CAUSE AI MEDICI: Sospeso dalla professione l'avvocato che pubblicizzava assistenza a costo zero con l'immagine di un medico in manette

News Italia

CAUSE AI MEDICI: Sospeso dalla professione l'avvocato che pubblicizzava assistenza a costo zero con l'immagine di un medico in manette

 malasanita33Costituisce illecito ordinistico pubblicizzare cause a costo zero contro i medici mostrando immagini inopportune come nel caso un medico ammanettato cosi' ha sancito l'ordine degli avvocati che ha sospeso, anche se con le attenuanti , dalla professione l'avvocato che il 14 settembre del 2018 pubblicizzo' il proprio studio utilizzando l'immagine di un medico ammanettato offrendo prestazioni legali gratuite a tutela dell'ammalato. Proprio il 14 Settembre 2018   l'annuncio apparve per la prima volta su Facebook , e fu la Fimmg Roma a segnalare ' la cosa ( LEGGI QUI) segnalazione che poi venne ripresa in giornata sia dall'Ordine di Roma che dalla Fnomceo con conseguente esposto sia all'ordine degli avvocati e al garante (LEGGI QUI)
Oggi il provvedimento dell'ordine professionale che sancisce non solo che l'immagine del medico in manette fosse inopportuna , ma che è non deontologicamente corretto pubblicizzare prestazioni a "costo zero" per accaparrarsi clientela. ll Consiglio Distrettuale di Disciplina ha considerato " tale iniziativa contraria ai principi di corretta informazione e al divieto di accaparramento di clientela. Una simile pubblicità appare comparativa ed autoelogiativa, nonché svilente della funzione pubblicistica della difesa. Inoltre, il messaggio veicolato tramite l'immagine del sanitario ammanettato viola i doveri generali di correttezza, probità, dignità e decoro e comporta, altresì, la violazione di fornire un'informazione corretta, non denigratoria né suggestiva."

TUTTI I PARTICOLARI DEL PROVVEDIMENTO SU ALTALEX