Mar21082018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia

NEWS ITALIA

VACCINI: Santosuosso (Corte d'Appello di Milano) nulla la circolare Grillo -Bussetti prevale la legge hanno ragione i presidi per modificare una legge serve altra legge

cortecostituzionaleNella querelle dei vaccini si inserisce Amedeo Santosuosso, presidente della prima sezione civile della Corte d'Appello di Milano e direttore scientifico del Centro di ricerca Eclt dell'Università di Pavia su scienza e diritto: " I presidi «hanno ragione» nell'affermare che all'inizio del nuovo anno scolastico i bambini dovranno presentare la certificazione della Asl delle avvenute vaccinazioni obbligatorie, e non l'autocertificazione. La legge Lorenzin sull'obbligo vaccinale per la frequenza a scuola, attualmente in vigore prevale infatti rispetto alla circolare dei ministri Grillo e Bussetti" difatti spiega "la circolare è una disposizione organizzativa del ministro alle strutture periferiche, che può essere fatta solo per le materie di sua competenza e nei limiti della legge. Una circolare, cioè, non può modificare neanche emporaneamente, quello che stabilisce una legge" quindi " i presidi sono tenuti ad applicare la legge prima che la circolare interministeriale Grillo-Bussetti. Fanno semplicemente ciò che sono tenuti a fare, se infatti un bambino immunodepresso, e per questo non vaccinato, dovesse contrarre una malattia per la frequenza in classe di altri bambini non vaccinati, il preside potrebbe in questo caso essere a ragione chiamato in causa per non avere rispettato la legge attualmente in vigore, che è appunto la legge Lorenzin sull'obbligo vaccinale". Una posizione che mette in risalto il rischio a cui sono sottoposti i presidi e il perché della loro protesta. "la legge " conclude Santosuosso prevale sulla circolare e resta la Legge Lorenzin, fino a quando non dovesse essere eventualmente modificata o superata da un'altra legge"

VACCINI: Caos legislativo sulla certificazione, il ministro vale l'autocertificazione, i presidi senza certificato non si entra in classe MIUR ascoltare i presidi

MIURsalÈ scontro sulle vaccinazioni obbligatorie per la frequenza a scuola. Mentre il Il ministro della Salute, Giulia Grillo, conferma che l'autocertificazione da parte dei genitori dell'avvenuta vaccinazione dei figli sarà valida per la frequenza del prossimo anno scolastico 2018-19. I presidi e i pediatri universitari sostengono il contrario perché l'autocertificazione «non è utilizzabile in campo sanitario» quindi la circolare di luglio non ha efficacia. l'Associazione nazionale presidi e alte professioni sanitarie e il Collegio dei professori universitari di pediatria affermano che l'autocertificazione «non solo confligge con la vigente normativa sulla certificazione delle vaccinazioni obbligatorie, ma contrasta con il DPR 445/2000 che recita 'I certificati medici, sanitari ... non possono essere sostituiti da altro documento». Dunque l'autocertificazione «non è utilizzabile in campo sanitario se non a seguito di espressa previsione legislativa». Il ministro Grillo in un intervista su la 7 ha ribadito la sua linea «lo strumento dell'autocertificazione è stato usato per tutto il 2017 e lo useremo anche per il 2018, perché Lorenzin non ha istituito l'Anagrafe vaccinale nazionale e non volevamo caricare il cittadino di un onere ulteriore costringendolo a fornire tutta la documentazione». Nelle polemica si introduce anche il MIUR che a vce del ministro Marco Bussetti consiglia la collega del dicastero salute di ascoltare i presidi : "È opportuno considerare le preoccupazioni dei dirigenti scolastici, che costituiscono snodo fondamentale per il sistema di istruzione e formazione. Certamente" ha spiegato il ministro in un post su facebook " la dirigenza scolastica non può essere gravata di incombenze in materia sanitaria. La questione vaccinale è tema di salute pubblica. Il Miur, nell'ambito delle proprie competenze, garantisce la massima collaborazione al Ministero della Salute per l'attuazione delle politiche sanitarie previste"

VACCINI: Grillo a La 7 abbiamo depositato ua proposta di legge con obbligo flessibile

Giulia-Grillo"Abbiamo depositato ieri la proposta di legge della maggioranza in cui spingeremo per il metodo della raccomandazione che é quello che noi prediligiamo da un punto di vista politico," cosi' il ministro della Salute Giulia Grillo nella trasmisssione Omnibus " nel quale prevederemo delle misure flessibili di obbligo sui territori, e quindi anche nelle regioni e nei comuni dove ci sono tassi più bassi di copertura vaccinale o emergenze epidemiche. Sebbene mi prendano in giro su questo punto, l'idea di un obbligo flessibile a seconda dei territori è l'idea più sensata". Lo strumento dell'autocertificazione è stato usato per tutto il 2017, non capisco questa presa di posizione di ieri. Lo useremo anche per il 2018 perché Lorenzin non ha istituito l'Anagrafe vaccinale nazionale e non volevamo caricare il cittadino di un onere ulteriore costringendolo a fornire tutta la documentazione'' ha poi aggiunto riferendosi alla presa di posizione dei presidi.

VACCINI: obbligo flessibile? nulla di nuovo un idea free vax gia' proposta da tempo

vaccinazioneee thumb250 250Cosa è l'obbligo flessibile proposto nel disegno di legge per l'obbligatorieta' dei vaccini che il consiglio dei Ministri ha varato nella seduta di ieri. Non è una novita' ma un caposaldo delle associazioni Free-vax pubblicato da tempo. Abolizione delle legge Lorenzin e piani straordinari di interventi che se necessario prevederanno una o più vaccinazioni obbligatorie. Sembra una novita' ma gia' da mesi sul sto di alcune associazioni gia' era visibile la proposta che potere leggere in calce a firma di tutte le associazioni contro l'obbligo vaccinale.
 
LEGGI LA PROPOSTA DI LEGGE DEI FREE VAX

DOCUMENTO PROGRAMMATICO AIFA: Fimmg bene il documento ora aspettiamo fatti concreti

farmaci7I medici di famiglia devono poter prescrivere farmaci che i pazienti possono attualmente ottenere solo dagli specialisti. Il medico di medicina generale è uno dei principali attori della gestione dei farmaci a beneficio dei pazienti e, come erogatore di assistenza di primo livello, è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell'utilizzo efficiente della maggior parte dei farmaci. A partire da questo assunto l'AIFA ha ritenuto di aggiornare il "Documento Programmatico Medicina Generale- AIFA", già redatto nel 2013, ampliandolo all'ambito più ampio del Territorio, con il coinvolgimento dei medici di famiglia, dei pediatri e dei farmacisti. Così come per la precedente versione, ripresa anche dall'EMA, la FIMMG è stata anche in questo caso l'indiscusso punto di riferimento per tutti i relatori. Alla stesura della nuova edizione hanno collaborato per FIMMG: Fiorenzo Corti e Walter Marrocco (già coordinatore dell'edizione del 2012), insieme ad altri colleghi con il prezioso contributo del Farmacologo Prof. Mario Eandi. L'obiettivo, in attesa di una più qualificata presenza della MG negli snodi decisionali dell'AIFA, è quello di valorizzare le esperienze del territorio per l'appropriatezza e la sostenibilità del Sistema, passando anche per la prescrivibilità di farmaci innovativi attraverso l'uso dei Piani Terapeutici di ambiti di cura oramai consolidati come il Diabete, la BPCO, l'Osteoporosi e il trattamento con i nuovi anticoagulanti orali. L'accesso alle cure per queste patologie il cui accesso alle cure è un'esigenza di equità, non più derogabile, per i nostri pazienti.

SCARICA IL DOCUMENTO

VACCINI: Fimmg, circolare sulle donne in gravidanza uno strumento importante

gravida«In questo momento di grandi polemiche sul tema vaccinazioni nei bambini l'emanazione di una circolare ministeriale sulle vaccinazioni raccomandate per le donne in età fertile e in gravidanza, dimostra sensibilità del Ministero della salute al tema" così Silvestro Scotti segretario Generale della (Fimmg) " e, se fosse necessario, gli estremi profili di sicurezza delle vaccinazioni. Il NITAG, gruppo tecnico consultivo nazionale sulle vaccinazioni istituito nel 2017, in cui è presente anche un componente della Medicina generale, è stato determinante al fianco della Direzione Generale della Prevenzione sanitaria del Ministero. Recenti casi,hanno dimostrato quanto sia ancora sottovalutata l'importanza di una appropriata prevenzione vaccinale adeguata alle condizioni e alle fasi della vita delle donne. La circolare rappresenta uno strumento che i professionisti utilizzeranno per offrire informazione uniforme alle pazienti cui ancora oggi vengono omesse informazioni decisive per la salute loro e dei propri figli o date informazioni difformi spesso prive di fondamento scientifico»