Mar21082018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia

NEWS ITALIA

FNOMCEO: No al rinvio per l'obbligo vaccinale un appello al Parlamento perché rispetti la scienza

vaccini456 thumb medium250 250"No al rinvio di un anno dell'obbligo di presentare i certificati vaccinali per l'iscrizione alla scuola dell'infanzia e ai nidi, non risponde all'evidenza scientifica circa la necessità delle vaccinazioni. Lanciamo un appello al Parlamento perché rispetti la scienza" Così il presidente della Fnomceo Filippo Anellli sull'emendamento approvato con il decreto Milleproroghe "Sulle vaccinazioni lanciamo un appello al Parlamento, perché, nelle sue decisioni, rispetti sempre la scienza e metta il ministro della Salute, Giulia Grillo, nelle migliori condizioni per lavorare, esprimiamo la nostra piena fiducia nel ministro e le assicuriamo il nostro sostegno, sapendo che potrà contare anche su tutti gli organismi tecnico-scientifici a sua disposizione per garantire le coperture vaccinali senza compromettere o ledere alcun diritto. L'articolo 32 della nostra Costituzione " conclude Anelli " tutela la Salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività Al Ministro il compito di attuare tale tutela, attraverso politiche sanitarie che si fondino sulle migliori evidenze scientifiche a nostra disposizione".

VACCINI: dissenso nei 5 Stelle sullo stop all'obbligo nel decreto milleproroghe

sivaccini5"Ho visto morire bambini di morbillo, ma nessuno perdere la vita a causa di complicanze post vacciniche". Così la senatrice 5 stelle Elena Fattori, «Mi dissocio dal gruppo, sono indignata» infatti ha votato contro l'emendamento che fara' slittare di un anno l'obbligatorieta' per le vaccinazione agli alunni delle scuole. "rispetto la scelta del mio gruppo ma per storia personale, professionale e dolorosamente di madre non posso fare altro che dissociarmi dal mio gruppo e esprimere un indignato voto contrario". Tuona la Senatrice «Non si tratta di una proroga ma di una artificio legislativo. È come introdurre l'obbligo delle cinture di sicurezza e dire che i vigili non possono fare la multa per un anno, i presidi non conosceranno lo stato vaccinale mettendo a rischio vero di esclusione i bambini immunodepressi». Anche Giorgio Trizzino un altro esponente dei 5 stelle, , direttore sanitario dell' ospedale Civico di Palermo, esprime dissenso sulla norma "condivido in pieno la posizione della senatrice Fattori", scrive in un post su Facebook "Non si pensi che il mio silenzio sul tema dei vaccini sia da attribuire a una posizione consenziente rispetto tesi ambigue sull'obbligo vaccinale. Chiarisco subito che in questa prima fase ho voluto comprendere la reale posizione del M5s, del nostro gruppo in commissione e del ministro. Adesso che le idee sono più chiare voglio manifestarvi la mia posizione netta sull'obbligo vaccinale".

FIMMG FORMAZIONE : soddisfazione stanziamento borse di studio

medicoscrive thumb medium250 250Con grande soddisfazione Fimmg Formazione apprende la ratifica dello stanziamento di 800 borse aggiuntive per il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, stabilita dalla Conferenza Stato – Regioni, da distribuire sull'intero territorio nazionale.
Tale risultato è frutto di una lunga battaglia di Fimmg Formazione, sostenuta da Fimmg tutta, che da anni sottolinea la grave disparità fra borse erogate per il corso di formazione e il numero di medici di famiglia che andranno in pensione.
In ogni comunicato, in ogni incontro ufficiale con le Istituzioni, l'O.S. scrivente non ha mai mancato di evidenziare la necessità di incrementare le borse di studio per fornire un'adeguata prestazione sanitaria ai cittadini, garantendo loro l'inalienabile diritto alla salute, di cui il medico di famiglia è il primo attore e insostituibile pilastro.
Tale problematica è stata inoltre esposta anche in un recente incontro intercorso fra l'On. Rosa Menga, che ha mostrato forte sensibilità alla tematica in quanto medico in formazione in Medicina Generale, il Segretario Nazionale Generale della Fimmg Dott. Silvestro Scotti e il Segretario Nazionale della Fimmg Formazione Dott.ssa Noemi Lopes, in cui si è ampiamente discusso della Formazione Specifica in Medicina Generale e del suo futuro.
Appare adesso urgente prendere rapidi provvedimenti affinchè queste borse possano essere utilizzate già a partire da questo nuovo triennio 2018-2021 in quanto, come ben noto, già allo stato attuale ogni provvedimento intrapreso ai fini di fronteggiare la carenza potrebbe non essere sufficientemente tempestivo: i nuovi formati potranno infatti essere operativi solo fra altri 3 anni, quando il sistema sarà già al collasso.
Ai fini di scongiurare eventuali ricorsi si rende pertanto necessario riaprire i bandi regionali, integrandoli con le notizie in merito alla modalità di distribuzione delle borse aggiuntive nelle diverse regioni, possibilità che - visto l'avvicinarsi della data del concorso di accesso al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale - potrebbe anche condurre allo slittamento di un mese del concorso suddetto.
Ringraziando ulteriormente tutti gli attori coinvolti in questo importante obiettivo che è stato raggiunto, rimaniamo disponibili come OS ad intraprendere qualunque collaborazione volta a fronteggiare l'emergenza che sta interessando la Medicina Generale.

BORSE DI STUDIO: Intesa delle regioni in Conferenza per lo stanziamento di 40 mil di euro

concorsuoLa Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 1 Agosto ha espresso l'intesa con l'impegno del Governo per ripartire risorse pari a 40 mln di euro per le borse di studio e per i contratti annuali di specializzazione, sulla base della quota d'accesso, da definire nella prima riunione utile della Conferenza Stato-Regioni per autorizzare l'immediato utilizzo dei predetti fondi a partire dai corsi che inizieranno nell'anno 2018 risorse che dovranno essere vincolate per l'incremento dei contratti di specializzazione alle discipline per le quali vi è una carenza di professionisti, sulla base delle esigenze regionali. Definendo poi un intervento normativo urgente per risolvere la problematica della cronica carenza di personale medico nelle strutture del servizio sanitario regionale, che sta mettendo a rischio l'erogazione dei servizi.

IL TESTO DELL'INTESA

VACCINI: Decreto proroghe , slitta l'obbligo, nessun bambino sara' escluso da nidi e materne, in soffitta il decreto Lorenzin sull'obbligo

novax33Stop all'obbligo vaccinale lo sanciscono due emendamenti della a commissione Affari costituzionali del Senato a firma lega-5 stelle al decreto proroghe che fa slittare all'anno scolastico 2019/2020 l'esclusione da nidi e materne dei bambini non in regola con le vaccinazioni. L'emendamento fa decadere di fatto quanto previsto dall'articolo 3 della legge Lorenzin che un anno fa ha ripristinato l'obbligo vaccinale mandandolo attraverso le proroghe definitivamente in soffitta. Una vittoria per le associazioni no vax che sotto la bandiera della liberta' di scelta lavorano per l'abolizione della legge Lorenzi per una politica contro le vaccinazioni. Soddisfazione da parte del governo, critiche feroci dall'opposizione che lanciano l'allarme della diminuzione dell'effetto gregge e delle coperture

PERTOSSE: morte due neonate contagiate da Madri non vaccinate

C 2 articolo 3155794 upiImageppDue neonate sono decedute a causa della pertosse contagiata dalle madri non vaccinate , è successo in due localita' distinte Seriate e Treviglio, la notizia è apparsa sull'Eco di Bergamo. Le bambine nate tra maggio e giugno scorsi a qualche settimana di distanza l'una dall'altra, erano state ricoverate in terapia intensiva della Patologia neonatale nell'ospedale Papa XXIII di Bergamo. Le madri, che avevano avuto una gravidanza normale, si erano ammalate in quanto nessuna delle due si era sottoposte alla vaccinazione, contagiando le bambine che sono morte a distanza di un mese dalla nascita. La vaccinazione non è obbligatoria per le madri ma dovrebbe essere fatta una valutazione di un protocollo vaccinale in gravidanza che eviti questi incidenti.
«I casi di pertosse stanno aumentando. " ha affermato il virologo Roberto Burioni "Il guaio è notevole in quanto la pertosse è pericolosissima per i bambini molto piccoli; inoltre, siccome l'immunità contro questa infezione è sempre molto debole, le madri non riescono a trasmettere ai loro figli una quantità adeguata di anticorpi durante la gravidanza: alla nascita i neonati saranno quindi estremamente vulnerabili. Possiamo però proteggerli ugualmente: prima di tutto dobbiamo vaccinare la madre in gravidanza, affinché abbia anticorpi da trasmettere"