Ven14122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio VIOLENZA MEDICI: Corsi di autodifesa a Roma imparare a gestire l'atto violento

News Lazio

VIOLENZA MEDICI: Corsi di autodifesa a Roma imparare a gestire l'atto violento

 prontosocc1 thumb medium250 250Il Sovraffollamento, i tempi di attesa le poche informazioni datea ai parenti queste le motivazsioni che innescanospesso viloenza ma non solo tanto hce alla ASL Roma 1 : spesso per questi motivi scoppiano liti verbali che diventano aggressioni contro medici e infermieri. Tanto che la Asl Roma 1 sta preparando un corso di autodifesa personale: tecniche per gestire le situazioni spinose e disinnescarle. Per questo la Asl Roma 1 sta preparando corsi di autodifesa per il personale anche perché l'evento va gestito nel frattempo intervengano le forze dell'Ordine, mentre al Al San Giovanni stanno per partire corsi di formazione con medici e infermieri per prepararli a gestire le situazioni più a rischio. Pierluigi Bartoletti, segretario della Federazione dei medici di famiglia del Lazio (Fimmg) e vice presidente dell'Ordine di Roma in un intervista al Corriere della Sera , chiarisce: "Sono corsi che insegnano a sottrarsi alle minacce e il paziente, che è sempre la parte debole del sistema, a non attaccare. Il colpo parte solo nel caso ci si debba divincolare e fuggire". Metodi israeliani, il «Krav Maga»: cui l'obiettivo è neutralizzare la persona usando toni e gesti mirati ,anticipando le mosse degli aggressori.  Dello stesso avviso è il presidente dell'Ordine dei medci di Roma Antonio Magi, «La buona comunicazione" ha detto il presidente " funziona quanto gli agenti di polizia. È necessario sempre parlare in modo semplice, tenersi preferibilmente a lato della persona e non farsi trovare da soli. La società è cambiata, teniamone conto"