Ven14122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio LISTE D'ATTESA: Lazio sopra la media nazionale, Bartoletti (Fimmg) aprire nel Recup tutte le agende, applicare il decreto regionale.

News Lazio

LISTE D'ATTESA: Lazio sopra la media nazionale, Bartoletti (Fimmg) aprire nel Recup tutte le agende, applicare il decreto regionale.

 fileasl33"Il decreto Zingaretti sulle liste d'attesa deve essere applicato nella sua interezza " così Pier Luigi Bartoletti, vicesegretario della Fimmg e vicepresidente dell'Ordine dei Medici di Roma commentando sul quotidiano Il MESSAGGERO i dati di Lazio Crea dove il Lazio nel 2017 il Lazio presentava tempi di attesa al di sopra della media nazionale "Occorre inserire nel Recup tutte le aziende che offrono le prestazioni, anche le autonome e private. Poi una volta aperte tutte le agende, va sviluppato il sistema informatico, tenendo conto non solo del tempo ma anche della prossimità delle strutture". Oltretutto "Le prestazioni vengono erogate secondo tetti massimi, così succede che a fine anno, terminato il budget, l'appuntamento per il cittadino viene rinviato a gennaio o febbraio. Noi medici di famiglia chiediamo uno slot di prenotazioni in modo da chiedere e garantire al cittadino prestazioni sempre appropriate secondo la diagnosi e la tempistica». Secondo lo studio effettuato dal consorzio Crea Sanità, nel 2017 il Lazio presentava tempi di attesa al di sopra della media nazionale per la colonscopia (175 giorni rispetto ai 96 medi), per la ecotiroide (123 rispetto a 57) e l'ecocolordoppler venoso agli arti inferiori (123 giorni invece di 73). La Regione sta facendo comunque enormi sforzi per uscire dall'emergenza. «Oggi l'80% delle prestazioni con indicazioni di priorità vengono erogate nei tempi previsti per legge, nel 2015 erano il 50%», così ha affermato l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato