Dom25082019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio SPAZZATURA: Allarme a Roma per l'OMCEO c'e serio rischio alla salute l'AMA risponde "evitate inutili allarmismi"

News Lazio

SPAZZATURA: Allarme a Roma per l'OMCEO c'e serio rischio alla salute l'AMA risponde "evitate inutili allarmismi"

 monnezza3 thumb other250 250E' crisi sanitaria a Roma il presidente dello Omceo di Roma Magi scrive una seconda lettera alla prima cittadina di Roma, Virginia Raggi, al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al ministro della Salute, Giulia Grillo, e al ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, invitandoli a intervenire "sinergicamente prima che la situazione degeneri ulteriormente". "Rifiuti maleodoranti, cassonetti sporchi, sacchetti abbandonati a terra, e un'allarmante invasione di animali opportunistici quali mosche, blatte, topi, gabbiani". Scrive il prediente delloOmceo Romano Antonio Magi "Le montagne di rifiuti abbandonati in modo incontrollato, specie fuori dai cassonetti, che macerano sotto il sole di questi giorni con le alte temperature costituiscono un serio rischio per la salute legato alla proliferazione di germi e parassiti con la possibilità di diffusione di malattie infettive attraverso contatto diretto o indiretto tramite gli insetti e soprattutto entrando in contatto con gli escrementi di uccelli e roditori". Senza contare anche il pericolo legato agli incendi dei cassonetti "che sprigionerebbero sostanze molto tossiche per la salute dei cittadini". Non si è fatta attendere la risposta di Ama attraverso la neopresidente Luisa Melara che ha rimproverato i medici di un inutile allarmismo , "In questa contingenza è ancora più importante, soprattutto per chi riveste ruoli di rilievo, non creare inutili allarmismi. Siamo e restiamo disponibili a ricevere suggerimenti anche dalla comunità scientifica e da tutti i soggetti preposti al controllo della salute pubblica, nell'ottica di una responsabile collaborazione e nell'interesse esclusivo del bene comune".