Mar22102019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio ASL ROMA2: Diffida di FIMMG E SMI all'utilizzo del portale MAP per la richiesta vaccinale, per mancata concertazione e difformita' dal protocollo regionale

News Lazio

ASL ROMA2: Diffida di FIMMG E SMI all'utilizzo del portale MAP per la richiesta vaccinale, per mancata concertazione e difformita' dal protocollo regionale

 Medici  copy thumb large300 300Il portale MAP realizzato dall'Azienda senza alcuna concertazione sindacale non puo' essere utilizzato per obbligare i mmg a utilizzarlo per la richiesta vaccinale, in quanto tale metodica non è prevista dal protocollo vaccinale sottoscritto, che prevede una distribuzione "distrettuale" ed oltretutto è contro l'accordo regionale per la medicina generale che prevede l'utilizzo della Cooperazone applicativa come interfaccia nei processi telematici aziende mmg. Cosi le organizzazioni sindacali della medicina generale Fimmg e Smi inviano una diffida formale alla direzione generale della ASL ROMA 2 . ASL che negli ultimi mesi ha attivato un portale web per il medici di famiglia, con obbligo di registrazione e relativa ed ennesima password, integrando senza alcun avviso e senza concertazione alcuna, servizi come la richiesta dell'ADI l'invio del certificato delle sostituzioni e la richiesta di vaccini antiinfluenzali , oltretutto su di un portale "inidoneo al trasferimento di qualsiasi dato sensibile e/o sanitario HTTP e non HTTPS" che pone i medici a rischio sanzioni Privacy.
Un ennesimo aggravio burocratico comparso dal nulla, immaginiamoci un medico malato, magari anche gravemente, lottare con le password per segnalare una sostituzione, o dover riempire moduli con crocett e baffetti, levando il tempo alla clinica, l'ennesimo utilizzo impiegatizio scaricato sui medici .
Altra criticita' segnalata la con rispondenza dell'iniziativa all'accoro regionale stipulato tra la Regione Lazio e le OOSS prevedendo come unica interfaccia telematica con i medici la cooperazione applicativa, che integra i sistemi nei gestionali sburocratizzando i sistemi.
Gia' nella scorsa stagione si era utilizzata una metodica simile per i vaccini, creando dei disservizi mostruosi segnalati da piu' medici, fino ad arrivare a insulti da parte di dipendenti tecnici del call center informatico in caso di difficolta' peraltro frequenti un metodo di interfaccia alquanto approssimativo e improvvisato.
Di qui lo stop dei sindacati che hanno richiesto inizialmente con urgenza alla ASL la richiesta di attivare i normali canali di richiesta vaccini via mail al distretto e cartaceo.
Oltetutto la ASL è inadempiente con le remunerazioni, nonostante i medici abbiano utilizzato la scorsa stagione la cooperazione applicativa per l'invio dei report.

LA LETTERA DIFFIDA DI FIMMG E SMI