Mer02122020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio COVID: Bartoletti: "Ricorso al Tar vergognoso, il lavoro dei medici con le Uscar non si ferma"

News Lazio

COVID: Bartoletti: "Ricorso al Tar vergognoso, il lavoro dei medici con le Uscar non si ferma"

 bartSSN thumb other250 250Lo ha detto il segretario provinciale della Fimmg Roma in merito alla sentenza del Tar del Lazio secondo cui "i medici non possono assistere a casa i pazienti con Covid"

ROMA – (DIRE)"I medici hanno commentato la sentenza del Tar con due parole: che schifo. Il ricorso dello Smi è vergognoso, ha fatto fare alla categoria una figuraccia, ma noi non abbiamo niente a che fare con questa gente. Le argomentazioni da avvocato le lasciamo a loro". Lo ha detto, all'agenzia Dire, il segretario provinciale della Fimmg Roma, Pier Luigi Bartoletti, in merito alla sentenza del Tar del Lazio secondo cui "i medici non possono assistere a casa i pazienti con Covid".
La Regione Lazio ha presentato ricorso al Consiglio di Stato. "Noi continuiamo a fare il nostro lavoro, a effettuare oltre cento visite domiciliari al giorno con le Uscar, e non lasciamo soli i colleghi degli ospedali- ha aggiunto Bartoletti- E' noto il contributo che stiamo dando a tanti medici impegnati sul fronte anti-Covid, non è noto il contributo medico che arriva da questi sindacati".
Bartoletti ha poi sottolineato un fatto. "Da venerdì è previsto un brusco calo delle temperature e sappiamo che il freddo attiva i virus influenzali. Quindi ci aspettiamo un aumento di chiamate dei cittadini per malattie da raffreddamento. Quelli chi li visita a domicilio? La verità- ha concluso- è che nonostante il fuoco amico e mille impedimenti, stiamo costruendo una rete territoriale che ci consentirà dal basso di rendere più efficace il sistema sanitario".