Ven05032021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio VACCINAZIONI : Fimmg Lazio stop alle richieste delle asl di elenchi con ultraottantenni ai MMG

News Lazio

VACCINAZIONI : Fimmg Lazio stop alle richieste delle asl di elenchi con ultraottantenni ai MMG

 medici online thumb250 250In questi giorni alcune asl hanno iniziato a richiedere ai MMG elenchi di assistiti ultraottantenni con recapiti e numeri di cellulari . tale richiesta oltre non essere in linea con la privacy e non essere stata alcunche' concordata costitutisce un "ulteriore aggravio burocratico per la categoria su dati peraltro già in possesso delle direzioni aziendali." Nella lettera viene ribadito come tali iniziative siano partite quando domani ci sara' un comitato aziendale che parlera' proprio di questo. Di qui una lettera alla Regione che chiede un intervento proprio su questo. Quindi invitiamo tutti nelle more di futuri accordi di NON INVIARE NESSUN ELENCO alle ASL
Ecco il testo della Lettera:
---------------------------------------------------------------------------------------
Oggetto: vaccinazione assistiti ultra ottantenni
Giunge in queste ore ai medici di assistenza primaria, da parte delle Direzioni Aziendali del Lazio, la richiesta di inviare gli elenchi dei propri assistiti con età superiore a 80 anni da vaccinare contro il virus SARS CoV2 presso strutture ospedaliere o delle stesse aziende.
Tale richiesta, non concordata, pur in considerazione dell' emergenza pandemica, rappresenta un ulteriore aggravio burocratico per la categoria su dati peraltro già in possesso delle direzioni aziendali.
La richiesta di numeri telefonici o di recapiti di posta elettronica dei nostri assistiti non può essere peraltro espletata senza il dovuto consenso dei pazienti per evidenti motivi di riservatezza e i tempi stretti ci rendono impossibile acquisire tale consenso.
Tutto ciò avviene alla vigilia del Comitato Regionale per la medicina generale previsto per lunedi 18 gennaio pv. occasione per concordare le future modalità operative della campagna vaccinale. Riteniamo pertanto indispensabile discutere di questa richiesta prima di poter ottemperare.
Resta comunque la massima disponibilità da parte della nostra OS di fornire ai propri assistiti tutte le informazioni necessarie per ottenere la massima adesione della cittadinanza quando ci verranno indicate le modalità di prenotazione e di accesso alle aree vaccinali nelle more dell'inizio delle vaccinazioni nei nostri studi.
 
IN ALLEGATO LA LETTERA INVIATA ALLA REGIONE