Mar19102021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio VACCINAZIONI: Nel Lazio 3000 medici e infermieri no vax ancora pochi i provvedimenti e le sospensioni, in arrivo dalle prossime settimane.

News Lazio

VACCINAZIONI: Nel Lazio 3000 medici e infermieri no vax ancora pochi i provvedimenti e le sospensioni, in arrivo dalle prossime settimane.

 medici99 thumb medium250 25016 medici e infermieri non vaccinati sospesi da parte dell'Asl di Viterbo, anche diversi Operatori socio sanitari. Nelle prossime settimane sono attesi nuovi provvedimenti di sospensione, da parte di tutte le aziende sanitarie locali, ma ancora sono pochi i provvedimenti messi in atto e la Regione Lazio è in forte ritardo. Le sospensioni arrivano dopo i primi provvedimenti presi a cavallo di Ferragosto sempre dall'Asl di Viterbo e dall'Asl Roma 5, con rispettivamente sei e dieci sospensioni, ma rispetto al numero dei dissenzienti è molto lenta l'applicazione della legge , c'è da precisare che la sospensione è solo l'anticamera del licenziamento, chi non si metterà in regola con l'obbligo entro dicembre perderà il posto di lavoro. A detta dell'assessorato i sanitari che sono corca 3000 hanno ricevuto la lettera dalle Asl di appartenenza, con cui venivano invitati a fornire spiegazioni sulla mancata vaccinazione, i più hanno presentato dei certificati firmati da loro colleghi, con cui si giustificavano sostenendo che, avendo determinate patologie, non possono vaccinarsi. In alcuni casi è stato riscontrato che si tratta realmente di soggetti fragili, ma in altri è emerso il tentativo solo di evitare il farmaco. In quest'ultimo caso, le Asl danno cinque giorni di tempo per tornare sui propri passi e in caso contrario scattera' la sospensione, che poi si tradurra' in licenziamento a Dicembre. Poi ci sono le situazioni di tutti quei medici che diffondono tesi negazioniste e no vax , casi che dovrebbero essere presi in considerazione con provvedimenti e sopsensioni mirate dall'Ordine dei Medici.