Mar21082018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio

NEWS LAZIO

EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE: Delibera Regionale sulle indicazioni di cui alla L.648/96

eparineLa Regione Lazio ha diffuso la  Delibera del C.ad Acta n. 9138 del 01/06/2018 sulle indicazioni per Eparine a Basso Peso Molecolare –EBPM.  Fanno parte integrante del documento anche le schede, già in uso con note della Direzione Regionale Salute e Politiche Sociali, per la prescrizione delle EBPM nella profilassi del tromboembolismo in gravidanza e puerperio per le pazienti a rischio (L.648/96) e per il trattamento del tromboembolismo nella sospensione degli anti-vitamina K (AVK) per manovre chirurgiche e/o invasive (bridging) –L.648/96 nonché le relative schede per il monitoraggio delle prescrizioni da parte dei medici specialistici e inoltre la scheda per la prescrizione delle EBPM per le indicazioni in L.648/96 in campo oncologico.
 

REGIONE LAZIO : mMgliorano i conti e la qualità delle cure diffusi i nuovi dati del rapporto Prevale

mediciospital thumb medium250 250Diffusi i nuovi dati del rapporto Prevale, che monitora una serie di fattori importanti come la tempestività degli interventi in caso di fratture del femore o per quelli di angioplastica coronarica. Il Lazio è la Regione che ha avuto la miglior performance di crescita in questi anni. Il raffronto tra l'anno 2012 e il 2017, conferma un trend positivo:
La sanità migliora: migliorano i conti, migliora la qualità delle cure from RegioneLazio
Tempestività di intervento chirurgico di frattura del femore. Dal 31% del 2012 al 54% del 2017 di pazienti operati entro le 48 ore.
Angioplastica coronarica. Dal 30% del 2012 al 50% del 2017. Con un trend in crescita del 3% rispetto allo scorso anno (47%). La mortalità a 30 giorni dal ricovero è passata dal 10% nel 2012 al 7,6 % nel 2017.
Asportazione colecisti. Sulla riduzione dei tempi di degenza dopo l'asportazione della colecisti un netto miglioramento: dal 57% del 2012 all'80 % del 2017. Con un miglioramento nell'ultimo anno del 4% (dal 76% del 2016).
Parti cesarei. Si riduce ancora l'anomalia dei parti cesarei nel Lazio. Dopo aver abbattuto la barriera del 30% dei cesarei, dopo molti anni di sostanziale stasi, continua a scendere la percentuale: dal 31,4% del 2012 al 26,2% del 2017 con un'ulteriore diminuzione rispetto al 2015 (28%).
Cure oncologiche. Un dato particolarmente importante è quello che riguarda la qualità della chirurgia oncologica: la proporzione di interventi chirurgici per tumore della mammella effettuata nei centri identificati come breast unit è passata dal 73% del 2015 all'83% nel 2017.
Più eguaglianza nell'accesso alle cure. In particolare non esistono più differenze di accesso dovute al livello d'istruzione né per l'angioplastica, né per il cesareo.
Migliorano i Lea. L'ultimo tavolo tecnico di aprile ha certificato un nuovo passo avanti sul punteggio dei Lea del Lazio: dai 152 punti del 2013 sulla griglia Lea, quindi da un livello di inadempienza rispetto ai servizi essenziali, fissati a 160 punti, ai 179 punti del 2017, tra le regioni virtuose.

SCARICA IL RAPPORTO


REGIONE LAZIO: "Nuove linee di indirizzo farmaci equivalenti per l'ipercolesterolemia"

farmaci cari thumb medium250 250"La Regione Lazio ha modificato con un Decreto del Commissario ad acta le Linee di indirizzo per i Farmaci equivalenti utilizzati nell'ipercolesterolemia. Nel provvedimento viene recepito il documento sugli indicatori di appropriatezza farmaceutica regionali con il quale vengono indicate le categorie specifiche di medicinali soggetti ad un attento monitoraggio dell'appropriatezza diagnostica e terapeutica utilizzati nelle dislipidemie. Così l'assessorato alla Sanità e l'Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio in una nota ."Le Direzioni delle Aziende sanitarie e delle Aziende Ospedaliere – ha spiegato l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato – dovranno ora recepire il decreto e dare mandato ai servizi farmaceutici aziendali di monitorare e predisporre dei report di spesa e appropriatezza".

PROGETTO TRUCK TOUR BANCA DEL CUORE :Tappa a Roma in piazza S. Giovanni

Logo FPTC cmyk bassaTappa a Roma per il Progetto Truck Tour Banca del Cuore organizzato dalla FONDAZIONE "PER IL TUO CUORE" HCF ONLUS. Per tre giorni a partire dal 19 Giugno a piazza San Giovanni a Roma sarà possibile accedere gratuitamente tutti gli screening cardiologici dalle ore 9 alle ore 19 su un jumbo truck appositamente allestito. Il progetto nazionale di prevenzione cardiovascolare, promosso dalla fondazione per il tuo cuore dei medici cardiologi ospedalieri, sta girando in tutte le città italiane facendo prevenzione .
Per maggiori informazioni: http://www.periltuocuore.it/

LISTE ATTESA: Assessore D'amato al Ministro occorrono risorse non circolari

file-ASL thumb medium250 250"Offriamo la nostra collaborazione al neo ministro della Salute, che incontreremo la prossima settimana, per il governo delle liste d'attesa che non si abbattono con le circolari ministeriali. Segnalo tuttavia al Ministro l'esigenza di aumentare le risorse a disposizione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che rischia di scendere al di sotto del 6,5% del Pil. "Lo dichiarato in una nota l'assessore alla Sanita' e l'Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato dopo l'invio di una corcolare di richiesta informazioni da parte del Ministero della Salute sulle liste d'atttesa. ".Auspichiamo dal neo Ministro il superamento di alcune contraddizioni a livello nazionale poiche', da un lato si consentono benefici fiscali ai Fondi sanitari integrativi che ammontano a oltre 3,36 miliardi e dall'altro si chiede alle Regioni di fare di piu' con minori risorse." Allora ribadisce D'amato " Perche' non utilizzare queste risorse per potenziare il Fondo sanitario nazionale? L'altra grande questione e' relativa al governo della spesa farmaceutica. Basterebbe infatti la sola modifica del confezionamento dei medicinali in base alle prescrizioni dei medici per recuperare circa 1,6 miliardi di euro l'anno evitando gli sprechi, secondo la mozione approvata nel giugno 2017 dal Comitato nazionale di Bioetica sulle confezioni non ottimali dei farmaci. Solo con queste due operazioni a saldi invariati di finanza pubblica si potrebbero mettere a disposizione delle Regioni circa 5 miliardi di euro che potrebbero essere reinvestiti nel governo delle liste d'attesa per assunzioni di nuovo personale e l'ammodernamento delle tecnologie".

VIGILI URBANI: Roma, sotto il mirino i certificati per l'esonero ai servizi esterni revisione dai medici militari solo 2000 su 5700 in esterna

vigiliSono 700 i vigili che sono stati esentati dallo svolgimento di servizi esterni e destinati a lavoro di ufficio. Lo riporta un indagine effettuata dal quotidiano il Messaggero . Il 12% del totale dei vigili in servizio ha portato un certificato medico che attesta l'impossibilità di lavorare su strada, alcuni perché non possono stare in piedi a lungo, altri perché non possono fare lo sforzo di sollevare la paletta altriperchè non sopportano l'inquinamanto, overo un vigile su otto marca visita tanto da spingere l'amministrazione a verificare la veridicità delle attestazioni attraverso medici militari. I documenti portati prodotti dai caschi bianchi e che attestano l'obbligo di esclusione riportano cause fantasiose "dai servizi che implichino l'uso dell'arto superiore destro in segnalazioni manuali", o la necessità di "utilizzare un poggiapiedi obbligo di una pausa ogni dieci minuti per evitare lo stress, Alcuni non possono nemmeno portare la divisa per effettuare "attività che comportino stress psico-fisici" o possibili problemi derivanti dallo smog. Quindi solamente 2 mila agenti, su un totale di 5.700 effettuano servizi esterni. La polizia locale costa oltre 387 milioni di euro ai contribuenti capitolini.

REGIONE LAZIO: Renato Botti nominato direttore generale della Sanita' regionale

botti-renatoRenato Botti nominato direttore generale della Sanita' regionale della Regione Lazio . Gia' direttore generale della Regione Piemonte, In passato ha diretto la fondazione San Raffaele, è stato direttore generale dell'Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia e subcommissario alla Sanità della Regione Lazio ai tempi del commissariamento. "Ho avuto l'onore di essere nominato dalla Regione Lazio come direttore generale della Sanita' per contribuire in termini generali al miglioramento di un servizio sanitario di grande prestigio, ma molto complesso. Spero di dare un contributo in questo senso, consapevole di tutte le complessita' e difficolta'". Ha affermato il nuovo direttore.