Gio18102018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni MOLISE : Fimmg sulla chiusura dei punti di primo intervento sterile polemica politica

MOLISE : Fimmg sulla chiusura dei punti di primo intervento sterile polemica politica

 mediciospital thumb large300 300Sulla chiusura dei punti di primo intervento, il presidente della Fimmg, Giancarlo Totaro, risponde al presidente Toma . «Leggo con stupore e con il massimo rispetto delle emozioni che provoca la chiusure dei ppi di Larino e Venafro, ma trovo francamente farneticati le esternazioni espresse nel merito del contenuto delle decisioni prese dal presidente Toma che ha finalmente deciso di essere chiaro e sincero con le popolazioni di quei territori comunicando senza prese in giro che il pronto soccorso di Larino e Venafro non esiste più ed ancor meno sotto mentite spoglie di un lessico che le attribuisce il nome di ppi. Onore al merito di chi ha avuto il coraggio di dichiarare coraggiosamente che il "re è nudo" e chi ha chiuso i veri ospedali non ha avuto il coraggio di dire. Anzi è importantissimo e meritorio che Toma abbia tolto dei presidi che potevano diventare pericolosi perché meta di richieste di intervento che invece potevano necessitare senza perdita di tempo di un trasferimento in ospedale, premesso che non sono più presenti 12 ore su dodici i servizi di diagnostica, in particolare quella di laboratorio, che avrebbero dovuto supportare l'iter diagnostico di tali interventi. Quindi si eviti di prendere posizioni demagogiche che nulla hanno a che fare con la buona organizzazione sanitaria ma che hanno tutto il profumo di una sterile polemica politica. Questo lo dice chi come me ha subito un processo penale (assolto) per aver fatto dichiarazioni vere e senza paura per difendere la sanità pubblica senza fini che non fossero quelli della difesa del diritto dei cittadini a curarsi nella sanità pubblica perché è l'unica a poterne garantire l'efficacia nel lungo periodo. Rimane purtroppo l'errore di non aver coinvolto prima le categorie interessare per trarre eventuali suggerimenti».