Ven20092019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni NAPOLI: dottoressa aggredita al San Giovanni Bosco: rotto il setto nasale. Lei: "Sono schifata ma non ho paura"

NAPOLI: dottoressa aggredita al San Giovanni Bosco: rotto il setto nasale. Lei: "Sono schifata ma non ho paura"

 violenzameGrave aggressione stanotte ad una dottoressa al San Giovanni Bosco a Napoli, presso il pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco, dove il medico stava svolgendo una consulenza chirurgica, a scatenare l'aggressione l'invito ad alcuni parenti di un ricoverato di attendere fuori dalla stanza durante la consulenza, parenti che hanno aggirato i sistemi di sicurezza che impediscono in questi casi la presenza di parenti nell'area visite. La direzione generale dell'Asl ha avviato una verifica interna per capire l'accaduto e a comprendere come le donne protagoniste dell'aggressione si siano introdotte aggirando i divieti tassativi introdotti proprio a garanzia degli operatori. "Se qualcuno crede ancora di poter dettare legge al San Giovanni Bosco o di poter ignorare le disposizioni dettate dalla direzione generale si sbaglia" ha tuonato il direttore dell'Ospedale Solidarietà dal direttore generale dell'Asl Napoli 1 Centro Ciro VerdolivaL "La Asl - ha annunciato - è e sarà al fianco della dottoressa, ci costituiremo parte civile assicurando, tra l'altro, il supporto legale alla nostra dipendente. Tolleranza zero, chi ha sbagliato si aspetti conseguenze molto serie.
"Sono schifata ma, come ho detto a mia madre che mi ha chiamato dalla Calabria, non ho paura e spero di tornare presto a riempire la mia casella nei turni del pronto soccorso, perché siamo in pochi e lavoriamo al limite". Parla Adelina Laprovitera, il medico aggredito nella notte tra martedì e mercoledì dalla madre di un paziente che l'ha colpita al volto parla all'Ansa. Solidarietà anche dal presidente della Regione Vincenzo De Luca: "Desidero esprimere la mia solidarietà e vicinanza alla dottoressa dell'ospedale San Giovanni Bosco che ha subìto la scorsa notte una vile e gravissima aggressione. Ancora un atto di violenza nei confronti di un medico che sta svolgendo con impegno e dedizione il proprio lavoro, e ancora nel pronto soccorso dell'ospedale. Solidarietà anche all'intero personale medico e sanitario che lavorano nel presidio. Ancora una volta, nel ripetersi di episodi che condanniamo e denunciamo, ricordiamo che da oltre un anno abbiamo presentato la richiesta formale, tramite la Prefettura, per l'istituzione di un posto di polizia al San Giovanni Bosco. Episodi come quello di stanotte non sono più tollerabili".