Mar19102021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni SARDEGNA : Terapie domiciliari per il covid, in Sardegna è polemica sul protocollo inviato ai medici di famiglia stop della Fimmg

SARDEGNA : Terapie domiciliari per il covid, in Sardegna è polemica sul protocollo inviato ai medici di famiglia stop della Fimmg

 coronaITALIA thumb medium250 250I medici di Famiglia della Sardegna non ci stanno , e insorgono contro la diffusione da parte dell'assessorato a tutti i medici di famiglia , dei protocolli terapeutici del "Comitato cura domiciliare Covid" un gruppo di cittadini e medici coordinato da un avvocato che contesta le linee guida ufficiali del Ministero proponendo dietro pagamento, protocolli di farmaci a distanza per il trattamento precoce del Covid.
Il problema – fa notare la FIMMG attraverso il Segretario Alessandro Usai, – è che "lo schema di terapia proposto da un folto gruppo di professionisti, che da tempo segnalano risultati soddisfacenti, non trova tuttavia conferma nelle indicazioni del Ministero della Salute, Lo schema terapeutico suggerito contrasta in alcuni punti con le raccomandazioni di trattamento domiciliare emanate dall'AIFA", scrive il sindacato, e "il trattamento terapeutico nelle prime fasi della malattia propone l'uso di integratori mai validati per uso terapeutico e a totale carico del paziente". "Considerata la numerosità dei pazienti in cura domiciliare e la montante gravità dell'attuale stato della pandemia", il sindacato rivolge alcune domande urgenti ai vertici della sanità regionale.
"- Queste pervenute sulla mail aziendale dei medici di famiglia sono linee guida di terapia validate dalla Regione Sardegna? Perché l'utilizzo della mail aziendale, destinata alle comunicazioni ufficiali dell'Ats, a questo farebbe pensare.
– Le sostanze (es. quercetina) previste per il trattamento Covid iniziale saranno fornite a carico del Servizio sanitario regionale?
– Come spiegare a chi deve curare i pazienti a casa il perché della discordanza con le prescrizioni dell'AIFA?
– Saranno resi mutuabili anche farmaci per uso veterinario come l'Ivermectina?"
"Il nutrito gruppo di colleghi autori enumerati nel protocollo segnalano in diverse pubblicazioni buoni risultati che però non hanno avuto validazione a livello degli enti regolatori", scrive il segretario provinciale della FIMMG. "Se però così è, perché diffondere nella mail aziendale che fa capo al Servizio sanitario regionale un protocollo non validato, con l'invito a utilizzarlo?
La lettera del sindacato fa notare che i medici di famiglia della Sardegna "già erano a conoscenza dello schema terapeutico in oggetto, perché più volte pubblicato come esperienza di gruppi di lavoro, ma non validato", però "vorrebbero evitare di passare dalla EBV – la tanto auspicata evidence based medicine – alla NBV (nothing based medicine...)".

Per queste ragioni la Fimmg "invita l'Assessorato a chiarire se questa è da oggi la linea guida ufficiale adottata dalla Regione per il trattamento domiciliare della Sars-cov2".