Lun16072018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni

DALLE REGIONI

Campania - Il Dossier sulla sanità preparato della Cisl (video)

Ambulanza-al-Pronto-SoccorsoCampania - Il Dossier sulla sanità preparato della Cisl. Una sanità allo sbando: punto per punto, nero su bianco, in un lungo dossier di 94 pagine preparato della Cisl Campania ecco tutte le criticità del settore. Si parte dai posti letto. Sono 2.402 i posti di emergenza tagliati, ma dei 953 posti per la riabilitazione e la lungodegenza nemmeno l'ombra. La media nazionale è di 4 posti ogni mille abitanti, in Campania





 

TREVISO: guerra nella sanità medici di famiglia verso lo sciopero

mediciTREVISO Dottori in stato di agitazione contro l'Usl 9 – I medici di famiglia dichiarano guerra ai vertici dell'azienda sanitaria di Treviso. Adesso è ufficiale. L'attesa assemblea straordinaria convocata in fretta e furia venerdì sera dalla Fimmg ha visto la partecipazione di un centinaio di dottori e si è chiusa con l'approvazione praticamente unanime, con un solo astenuto, dello stato di agitazione.

Le tappe, pesanti come macigni, sono segnate. Gli iscritti al sindacato hanno dato mandato al segretario, Brunello Gorini, tra l'altro vicepresidente dell'Ordine dei medici, di sporgere quattro diverse denunce contro l'Usl 9 per inadempienze e condotte antisindacali. Ma non solo. Oggi, infatti, la federazione dei medici invierà all'azienda sanitaria una comunicazione in cui spiega per filo e per segno cosa non è più disposta a sopportare e poi farà scattare una sorta di ultimatum lungo 60 giorni. Dopodiché si arriverà addirittura allo sciopero e alla serrata degli ambulatori.

"Auspichiamo ci sia una soluzione – spiega Gorini – altrimenti autorizzeremo lo sciopero che verrà portato avanti continuando la nostra attività ma facendo pagare a tutti i cittadini il prezzo pieno per ogni visita e ogni prescrizione: spiegheremo che siamo costretti a farlo perché l'azienda sanitaria non si comporta bene e indicheremo loro la possibilità di chiedere il rimborso presso la stessa Usl 9". Protesta che, ovviamente, farebbe andare in tilt i servizi aziendali in men che non si dica.

Insomma, si è davanti a un muro contro muro mai visto prima. Sul piatto ci sono parecchie questioni: quella dei "facilitatori" assunti dall'Usl in barba al parere dei medici, la decisione dell'azienda di invitare le donne in lista per un controllo di routine al seno a cambiare l'esame clinico-strumentale prescritto dal proprio dottore di fiducia con una più veloce mammografia, la sicurezza delle strutture delle guardie mediche e la partita dell'informatizzazione degli ambulatori, con ripercussioni economiche piuttosto consistenti.

In tutto ciò che fa l'azienda sanitaria? Per ora resta alla finestra. "La situazione è all'attenzione della direzione – spiegano dall'Usl 9 – ma attendiamo la formalizzazione delle posizioni del sindacato, che ad oggi non ci sono state". Già da oggi, però, dovrebbe partire la rincorsa per evitare la clamorosa serrata degli ambulatori.

Balduzzi: "Dati incoraggianti dalla Sicilia"

Ministro-Balduzzi(Il Giornale di Sicilia) PALERMO.Il ministro della Salute a Palermo: "I suoi risultati brillanti, ottenuti grazie all'assessore Russo, sono stati apprezzati all'unanimità e sono sicuramente dati di speranza"

 "La Sicilia in questi anni ha fatto molto nel settore della sanità. I suoi risultati sono
stati apprezzati all'unanimità e sono dati di speranza». Lo ha detto il ministro della Salute Renato Balduzzi al Forum mediterraneo in Sanità a Palermo.  «L'Isola deve molto all'assessore regionale alla Sanità Massimo Russo - ha aggiunto - è stata migliorata tantissimo la qualità della sanità».
«Russo ha fatto importanti operazioni di riorganizzazione - ha precisato il ministro - e riqualificazione: non si è limitato a ridurre l'esposizione finanziaria ma l'ha fatto attraverso operazioni di modifica organizzativa che sono quelle più difficili. I dati che abbiamo sono confortanti e incoraggianti».

Piemonte, allarme alcol: consumi superiori a media nazionale

vino-1TORINO ON LINE :I cittadini piemontesi bevono più alcolici e sono maggiormente a rischio dipendenza rispetto alla media italiana. Questo il dato che emerge dalle indagini svolte dall'Osservatorio nazionale alcol Cneps dell'Istuto superiore di Sanità. 
In Piemonte l'80,9% degli uomini consuma quotidianamente alcolici, a fronte del dato nazionale del 78,9%; le donne sono il 57,4% contro una media nazionale del 53,4%; il rischio dipendenza riguarda il 29,4% e 9,1% (in Italia 25,1% e del 7,1%).

Inoltre, l'Osservatorio ha sottolineato come nel nostro Paese molte donne abbiano anche il vizio del binge drinking, bere in rapida successione per ubriacarsi. Il fenomeno riguarda il 4,9% delle piemontesi.

Caos in lombardia lettere a 18 mila famiglia con annullamento del ticket (video)

imageMILANO - Un caos. Negli ultimi giorni a 18 mila milanesi è arrivata una lettera dell'Asl: «Secondo i dati forniti dall'Agenzia delle Entrate appena elaborati da Regione Lombardia lei non risulta più avere diritto all'esenzione per reddito e quindi è tenuto al pagamento del ticket sanitario su esami medici e visite specialistiche». Peccato che in innumerevoli casi la comunicazione è sbagliata. E così gli sportelli dell'Asl sono presi d'assalto, tra richieste di chiarimenti, lunghe code e proteste.